Home / Fashion / Aggressione a Niccolò Bettarini, il Tar “riapre” l’Old Fashion – Il Giorno

Aggressione a Niccolò Bettarini, il Tar “riapre” l’Old Fashion – Il Giorno

Milano 13 luglio 2018 L’Old Fashion  riapre i battenti. Almeno per le prossime due settimane. Come annunciato, i gestori della discoteca hanno impugnato al Tar il decreto di sospensione della licenza per 30 giorni firmato dal questore Marcello Cardona  all’indomani dell’aggressione al 19enne Niccolò Bettarini. E tre giorni fa il presidente della Prima sezione del Tribunale amministrativo della Lombardia Angelo De Zotti ha sancito lo stop momentaneo all’efficacia del provvedimento fino al 25 luglio, il giorno in cui si terrà la camera di consiglio: «La sospensione della stessa sanzione gravata – si precisa però nel dispositivo – cesserà e riprenderà all’esito del giudizio cautelare emesso in sede collegiale». In sostanza, tutto resterà in stand-by solo per 15 giorni.

La motivazione: «Mentre appare plausibile e giustificata l’adozione immediata di un provvedimento di sospensione dell’attività del locale nell’immediatezza dei gravi fatti di cronaca avvenuti nel primo mattino dell’1 luglio 2018 – prosegue De Zotti – la prosecuzione della sanzione rischia di vanificare la funzione essenziale del rimedio cautelare, che invece si impone a fronte di un bilanciato contemperamento degli interessi in conflitto». Tradotto dal burocratese: sono più che fondate le ragioni che hanno spinto via Fatebenefratelli ad agire con tempestività, ma allo stesso tempo vanno tutelati gli interessi dei titolari, in attesa che i giudici si esprimano.

Per chi non lo ricordi, tutto era iniziato all’alba del 1° luglio, quando un gruppo di ragazzi – Mobile e Volanti ne hanno fermati quattro per tentato omicidio, altri sei restano ricercati – aveva aggredito Bettarini junior a poche decine di metri dall’ingresso dell’Old Fashion, prendendolo a calci e pugni e colpendolo con otto fendenti in più parti del corpo: ad agire materialmente sarebbe stato Davide Caddeo, spalleggiato da Alessandro Ferzoco, Andi Arapi e Albano Jakej. Poco più di 24 ore dopo, era arrivata la decisione del questore: sospensione della licenza per 30 giorni al locale di viale Alemagna.

In particolare, era stato contestato il fatto che la prima aggressione fosse avvenuta all’interno della discoteca (schiaffeggiato un amico di Bettarini) e che uno dei vigilantes albanesi dell’Old Fashion si fosse limitato a scambiare due parole in lingua madre con i due connazionali presenti invece che richiedere immediatamente l’intervento delle forze dell’ordine.

 

ARTICOLO SUGGERITO

Aida Yespica mamma bis? Marco Carta come Cristiano Ronald ...

Aida Yespica mamma bis? Marco Carta come Cristiano Ronald …

EMIS KILLA: Il rapper e la sua fidanzata Tiffany Fortini si sono lasciati? A lanciare …