Home / Cultura / Biblioteca di Haskell: la cultura unisce le famiglie
Biblioteca di Haskell: la cultura unisce le famiglie

Biblioteca di Haskell: la cultura unisce le famiglie

La cultura unisce, mai frase migliore ha indicato un luogo come la biblioteca di Haskell

Da quando Donald Trump ha chiuso i confini tra Stati Uniti e Canada, la biblioteca di Haskell è diventata il punto d’incontro per molte famiglie che si sono trovate, loro malgrado, separate.

Un palazzo con due indirizzi in due stati differenti: uno negli USA, in Vermont, l’altro in Canada, nel Quebec. È la sede della Haskell Free Library e Opera House, da sempre attrazione turistica oggi luogo di incontro. A suo tempo la costruzione in questa zona di confine fu un modo per dimostrare come questi si possano abbattere tramite la cultura; fu questo il motivo che spinse Martha Stewart Haskell e il figlio Horace Stewart Haskell, a donare questo edificio alle comunità di frontiera.La Biblioteca di Haskell è un luogo unico; in nessun’altra costruzione al mondo esiste un teatro dove gli spettatori sono in uno Stato e gli attori nell’altro. In quale altro luogo si può trovare una biblioteca con un’entrata negli Stati Uniti, la zona per il prestito dei libri in Canada e la sala di lettura con una linea nera a terra a delimitare il confine di stato?Situata nella zona di confine, contemporaneamente a Derby Line, nello stato del Vermont, e a Stanstead, in quello canadese del Québec, la biblioteca di Haskell, a causa del travel ban, il divieto d’ingresso negli Stati Uniti d’America imposto da Donald Trump per persone provenienti da Sudan, Yemen, SiriaIran, Libia e Somalia, è diventata il luogo d’incontro per famiglie separate.

ARTICOLO SUGGERITO

"Modalità pausa". L'editoriale di Dove di aprile, in edicola

“Modalità pausa”. L’editoriale di Dove di aprile, in edicola

Regalarsi una pausa. È questo l’invito del nuovo numero, che raccoglie spunti e idee per …