Home / Salute e Bellezza / Birra, alleata di bellezza
Birra, alleata di bellezza

Birra, alleata di bellezza

Alzi la mano chi, da ragazzina, non si è almeno una volta lavata i capelli con la birra nella speranza di renderli ancora più dorati? O, ancora, prima di un bagno di sole, non si vaporizzava un po’ di questa bevanda sulla pelle per “fissare” meglio l’abbronzatura? Insomma, tra serio e faceto, la birra è sempre stata un po’ presente nei rituali beauty! Oggi, però, il suo ruolo”beauty” è ufficiale e non ascritto ai soli segreti della nonna. È terza bevanda più diffusa al mondo dopo acqua e tè: perché dunque non utilizzarla per dare un aiutino alla propria bellezza? Dagli scrub alle maschere per il viso fino agli impacchi per rafforzare le unghie: le opzioni sono tantissime. E che dire dell’uso del lievito di birra per contrastare l’acne? O, ancora, di versarla nell’acqua per effervescenti pediluvi anti-secchezza? Insomma, la birra “fa bene” alla salute e alla bellezza.

 

Anche le celebs ne vanno pazze

Un nome tra tutte: Catherine Zeta-Jones. L’attrice gallese, classe 1969 e non sentirla, sembra affezionata a una maschera a base di miele e birra. La utilizzerebbe one a week per restituire morbidezza e luninosità ai suoi capelli. Beer friendly è anche Angiolina Jolie che non va a letto senza essersi fatta un impacco-viso che ottiene mescolando due cucchiai di birra con uno di succo di limone.

 

Birra anti-age

Che la birra avesse proprietà anti età sulla pelle lo avevano già capito le regine di Babilonia usavano immergersi in rigeneranti bagni di birra per far risplendere la pelle e i capelli. Nota per le sue proprietà terapeutiche e cosmetiche anche in Egitto e Mesopotamia, oggi, uno studio durato tre anni ef effettuato dal centro di ricerca di Cosmetologia dell’Università di Camerino, ha dimostrato, a livello scientifico, l’efficacia beauty degli ingredienti della birra. Il Centro ha in particolare analizzato i prodotti dello storico birrificio Collesi, situato ad Apecchio, un borgo medievale nelle Marche.  Luppolo, orzo, malto così come mosto e scarti della birrificazione, sono risultati ricchi di preziose proprietà. In particolare, il luppolo, antibatterico e antiossidante, combatte i radicali liberi per un effetto ferma-tempo; i cereali sono ricchi di proteine e vitamine; il lievito di birra vanta un’interessante presenza di vitamine del gruppo B e, infine, l’acqua purissima di sorgente, è un’importante fonte di sali minerali.

 

Cosmetici ad hoc

L’azienda marchigiana ha messo a punto una linea skin care di ben 12 prodotti a base di birra artigianale 100% naturale ed ecofriendly. Per il viso e il corpo, 9 per lei e 3 lui. «Il legame birra e bellezza è popolare fin dall’antichità, ma finora non ci si era mai soffermati sul valore della birra artigianale, che per qualità degli ingredienti e cura del processo di lavorazione offre un prodotto superiore», ha detto Giuseppe Collesi, CEO dell’azienda e suo fondatore. «Il nostro progetto finalmente dimostra come la birra artigianale possa avere un ruolo di primo piano fra le cure naturali. Siamo orgogliosi di aver contribuito a questo importante traguardo: abbiamo inventato la Craft Beer Therapy».

 

ARTICOLO SUGGERITO

Roma, arrivi e partenze: sbarca Petrachi ma El Shaarawy se ne va in Cina

Dopo molte settimane di trattative di mercato sotto traccia, di viaggi e incontri in incognito, …