Home / Tempo libero / Campeggio: il viaggio che aiuta a ritrovarsi
Campeggio: il viaggio che aiuta a ritrovarsi

Campeggio: il viaggio che aiuta a ritrovarsi

Moltissime sono le alternative che si prospettano quando si decide di partire per un viaggio all’avventura. C’è chi preferisce programmare ogni cosa e c’è chi, invece, preferisce lasciare tutto alle spalle. Abbandonare le certezze e dirigersi verso una dimensione sconosciuta, spesso, è la scelta migliore. Quando si parte per un viaggio di questo tipo, più interiore che esteriore, non si fanno molti programmi; spesso si vuole proprio vivere la natura selvaggia del luogo e dimenticarsi del resto.

Il miglior modo per vivere la natura fino in fondo, abbandonare i porti sicuri, e dirigersi verso qualcosa di indefinito è di certo passare le vacanze in tenda. La tenda è di certo una soluzione ottima poichè i campeggi sono attrezzati e sicuri ma al tempo stesso si hanno delle libertà che altre tipologie di viaggio non hanno. Viaggiare fermandosi a dormire solo in tenda, significa abbandonare tutto ciò che è superficiale e andare a scavare dove le cose sono più concrete.

Andare all’essenziale e farlo in questo modo è di certo una soluzione per ritrovare la pace interiore e il contatto con una natura che troppo spesso, in questi giorni frenetici e stressanti, si perde. Che sia un viaggio in solitudine o in compagnia, la tenda è davvero qualcosa di insostituibile che è in grado di insegnare davvero qualcosa di importante a chi lo intraprende. Innanzitutto la cosa fondamentale è l’essenzialità con cui si dovrà affrontare il viaggio e le difficoltà.

Perchè scegliere il campeggio

Che ci si fermi in un’area attrezzata oppure no, il campeggio è molto differente dall’albergo e, di conseguenza, sarà necessario imparare davvero a conviverci. per intraprendere questa tipologia di viaggio ed uscirne soddisfatti, però, bisogna volerlo. Nessuno può imporvi un viaggio così perchè, altrimenti, rischia di essere controproducente e basta. Non c’è nulla di peggio che obbligare qualcuno che non si sente pronto a fare un viaggio di questo tipo.

Il campeggio metterà in contatto diretto con la natura chiunque decida di intraprenderlo. Vivere a ritmo della natura, affrontare le sue tempeste, la pioggia e il sole di certo sarà un’esperienza fantastica; Un’esperienza irripetibile e unica in grado di arricchire e preparare chi la compie. Non è di certo semplice decidere di andare in campeggio magari in modo più “selvaggio” ne tanto meno farlo da soli.

Soprattutto se è la prima volta che si decide di intraprendere questa avventura, vale la pena essere almeno in due. In questo modo ci si sentirà più sicuri e si potrà anche capire quanto feeling c’è tra le due persone. In situazioni come queste il lavoro di squadra è fondamentale e dunque è importante saper collaborare al meglio. sicuramente sarà un’esperienza faticosa che richiederà adattamento e ingegno ma, di certo, molto più educativa di molte altre.

Chi volesse passare davvero una vacanza diversa all’insegna della natura selvaggia e mettere alla prova se stesso e la sua volontà, il campeggio è di certo la scelta migliore. andando alle radici ed evitando le comodità si potranno riscoprire i valori veri dell’esistenza. Il contatto con la natura sarà forte e insostituibile e di certo tornerete con molta più consapevole leggerezza di prima.

ARTICOLO SUGGERITO

Cultura. Roma, la libertà è il tema della 10ma edizione di “Libri ...

Cultura. Roma, la libertà è il tema della 10ma edizione di “Libri …

DA 14 A 17 MARZO 2019 ALL’AUDITORIUM. SINIBALDI: STIMOLERÀ LETTORI E SCRITTORI (DIRE) Roma, 18 …