Home / Cultura / Cercas, fuori e in Europa poteri contro
Cercas, fuori e in Europa poteri contro

Cercas, fuori e in Europa poteri contro

ROMA – “Sono le più importanti degli ultimi anni, dall’inizio, perchè oggi c’è un’internazionale nazionalista, per usare questa contraddizione in termini, che non c’era prima. Cioè ci sono molti poteri fuori e dentro l’Europa contro l’Unione Europea“. Javier Cercas parla così delle Elezioni Europee del prossimo 26 maggio. “Putin e Trump non sono interessati all’Unione dell’Europa per motivi diversi ma coincidenti e in Europa c’è veramente un’internazionale nazionalista, probabilmente governata dal vostro futuro, e spero non sia così, presidente del governo, Matteo Salvini. E’ lui il leader più forte in Europa di questa internazionale nazional-populista. Questo è un vero pericolo, ma il peggiore nemico dell’Europa unita, che è l’unica utopia ragionevole inventata dagli europei, siamo noi europeisti perchè abbiamo commesso tantissimi errori” spiega all’ANSA lo scrittore spagnolo in un perfetto italiano, a ‘Libri Come’ all’Auditorium Parco della Musica di Roma dove è tra le star più attese. 

“E il primo errore, da cui derivano tutti gli altri, è non aver trasformato un progetto cominciato come d’elite. E’ rimasto tale, non è diventato popolare. La gente che non ha un’informazione speciale, che non appartiene alle elite economiche, politiche, intellettuali, non vede a cosa serve l’Europa. E le persone quando ci sono problemi tornano alle vecchie certezze come se fossero una protezione contro la paura, la crisi. E la prima certezza è:’siamo italiani’, ‘siamo spagnoli‘ e tutti gli altri sono strani. Cosa hanno fatto per noi? Niente” spiega da convinto europeista, autore di libri come ‘Anatomia di un istante’. “E’ un problema – aggiunge – completamente falso. Il populismo nasce da questo e da una cosa molo semplice: dalla crisi economica del 2008 che si può paragonare solo a quella del 1929. E’ stata una crisi profondissima da cui ancora non siamo usciti. La fine della crisi del 1929 è stata la seconda guerra mondiale. Quella del 2008 ha fatto un movimento sismico dappertutto, in Europa e negli Stati Uniti. E questo ha provocato cose diverse in ogni paese: uno si chiama Donald Trump, un altro Brexit, un altro Salvini“.

Sono tornati, ci dice Cercas, “i peggiori demoni della storia. Quello della storia europea si chiama nazionalismo che è stato per due volte la causa della distruzione. Abbiamo dimenticato che l’Europa unita sarebbe il primo potere del mondo. L’Unione Europea – incalza – è l’unica forma per preservare in Europa la pace, la prosperità e la democrazia. Senza questo siamo condannati ai conflitti. Quando qualcuno dice che la guerra è impossibile oggi in Europa io rispondo che pensare questo è ridicolo, completamente, perchè la storia dell’Europa è la storia della guerra fra europei. E quando arriva un demagogo professionale come conosciamo tutti è molto più semplice dire: ‘vedi senza l’Europa staremo benissimo, noi da soli, senza questi francesi“.

Molte le cose da aggiustare per Cercas: “l’unica possibilità per me è andare verso uno stato federale come gli Stati Uniti. C’è anche un’altra possibilità: che la gente dica stop questo è pericoloso, andiamo contro chi vuole distruggere quello che abbiamo. Io non sono molto ottimista ma, la Brexit fa parte di questo ritorno al nazionalismo”. “La Brexit e la crisi catalana sono molto simili in tantissime cose e soprattutto nell’uso massiccio delle menzogne” e non dimentichiamo che “il referendum è lo strumento preferito dei dittatori. Una delle cose più pericolose che succede oggi è il discredito assoluto della verità. Trump dice ogni giorno 10-12 menzogne, secondo studio Washington POst. La verità fa uomini e donne liberi, la menzogna fa schiavi. E la Brexit è un risultato della menzogna come la crisi della Catalogna”.

Lo scrittore spagnolo ci mette difronte anche alla situazione paradossale in cui viviamo. “Abbiamo sacralizzato la memoria e si dimentica più rapidamente che mai. Questo è terribile. Abbiamo dimenticato completamente gli anni Trenta”. E poi annuncia a un anno e mezzo dal suo ultimo libro. Il sovrano delle ombre, uscito in Italia per Guanda, il suo editore: “Voglio reinventarmi come scrittore. Ho 56 anni. Sto scrivendo un libro molto diverso ma radicalmente riconoscibile come mio. Nello stesso tempo molto popolare e molto esigente. Lo finirò nei prossimi mesi”.

ARTICOLO SUGGERITO

Nicola Panico, nuova fidanzata dopo Sara Affi Fella? Spunta la foto

Nicola Panico, nuova fidanzata dopo Sara Affi Fella? Spunta la foto

Nicola Panico ritrova l’amore dopo Sara Affi Fella? La foto in compagnia di una ragazza …