Home / Tempo libero / Vacanze e tempo libero / La vacanza perfetta: Maldive, sciogliere dubbi su costi, sicurezza e attività
La vacanza perfetta: Maldive, sciogliere dubbi su costi, sicurezza e attività

La vacanza perfetta: Maldive, sciogliere dubbi su costi, sicurezza e attività

Ci stai pensando e ripensando da mesi, era uno dei tuoi sogni e adesso sei davvero vicino a poterlo realizzare, hai bisogno di un’ultima spinta e poi finalmente le Maldive saranno tue! Oppure no, magari sei ancora indeciso e stai navigando nel web alla ricerca di qualche consiglio utile che magari ti convinca a partire e ad organizzare questo viaggio che ora ti sembra così difficile.

Certo, le Maldive non sono dietro casa e di certo non costano pochi spicci, ma davvero hai bisogno di pensarci? Allora, il primo consiglio è questo: parti. Partire fa sempre bene, ma andare alle Maldive è un partire ancora più dolce. Secondo consiglio: leggi gli altri consigli, potrebbero sciogliere qualche dubbio in merito a questioni quali le finanze necessarie e la sicurezza del posto.

Quando è meglio prenotare una vacanza alle Maldive?

Innanzitutto quando è meglio cominciare a prenotare? La stagione secca alla latitudine Maldiviana (il paese tocca quasi l’Equatore) corrisponde ai nostri mesi invernali, cioè va da dicembre a marzo. Questa parentesi temporale è la migliore per recarsi tra gli atolli, godere di un clima ottimale che renderà il soggiorno ancora più paradisiaco. Ragion per cui il miglior periodo per tenere sotto controllo i voli e tutte le prenotazioni che ci servono sono i tre mesi della nostra estate, che corrispondono alla stagione piovosa delle Maldive.

È vero, raggiungere il paese in aereo non è stato semplice in passato, il problema principale era soprattutto il prezzo esorbitante per un volo da ben 15 ore. Le cose non sono cambiate dal punto di vista del tempo impiegato, le Maldive continuano ad essere piccole gocce di terra emersa in mezzo all’Oceano Indiano, vicine solo all’India (che dista più di 2 mila chilometri di distanza).

Ma attualmente si può contare su molte più rotte aeree grazie soprattutto alle tratte offerte dalle grandi compagnia della penisola arabica. Non è un caso che oggi sia molto in voga la soluzione che abbina il classico relax da spiaggia (sull’arcipelago) all’avventura tra le dune (in penisola araba). Per rendersi conto, in Italia c’è l’agenzia Original Tour che è proprio specializzata in vacanze alla Maldive in abbinamento ad una visita in Oman, Emirati, India o Sri Lanka. Prima di procurarsi un biglietto aereo può essere un’idea fare un passaggio preventivo in agenzia, queste spesso abbinano il soggiorno al biglietto aereo per prezzi che non riusciresti a raggiungere organizzandosi da sé.

Costi biglietti aerei per le Maldive

Un volo dall’Italia all’aeroporto di Malè, capitale del paese, può superare facilmente i 1000 euro, ma prendendo le precauzioni di cui sopra è possibile trovare un biglietto che oscilli tra i 500 e i 700 euro, andata e ritorno. Ha fatto bene al caro prezzi, come abbiamo già detto, l’espansione in termini di rotte da parte di compagnie come Emirates ed Etihad, ma soprattutto l’annuncio di nuove tratte dirette dall’Italia con la nostra compagnia di bandiera. Stiamo parlando precisamente di Milano Malpensa, infatti solo dagli aeroporti di Roma e Milano partono dei voli diretti che vanno dal Belpaese alle Maldive.

Un atollo per tutti i gusti

Sembra strano inserire tra i passaggi fondamentali per un viaggio alle Maldive la scelta dell’atollo, eppure è una necessità meno scontata di quanto si pensi. Le Maldive si estendono da nord a sud come vere e proprie perle di una collana, la sabbia bianca aiuta la metafora. Lo Stato è composto da 26 atolli e circa 1200 isolette, queste sono più difficili da contare visto che il moto del mare riprende e rilascia la terra facendo comparire e scomparire alcuni isolotti. Basti pensare che la massima altitudine raggiunta sono 2 metri e mezzo.

Spostarsi da una punta a un’altra significa quasi fare 6 ore di idrovolante, in che sottolinea la convenienza di scegliere preventivamente la zona migliore per le nostre esigenze e le attività che vogliamo condurvi. Innanzitutto dove dormire: la soluzione più abbordabile è quella delle guest house, piccole case che offrono un’economica soluzione rispetto a palafitte e bungalow (bellissimi ma poco economici). Se ne trovano in abbondanza sui vari isolotti, proprio a metà c’è Maafushi che rappresenta un’ottima opzione in tal senso.

Snorkeling alle Maldive

L’attività più quotata di tutto l’arcipelago è di sicuro lo snorkeling visti i fondali mozzafiato tutto intorno. Alle Maldive si effettuano tre tipi di immersioni: all’interno degli atolli, all’esterno degli atolli e nelle “pass”, corridoi che mettono in comunicazione il mare aperto con le lagune degli atolli. Le maldive sono davvero il paradiso delle immersioni, ricchi di incredibile biodiversità considerate le 700 specie di pesci presenti.

Spiccano per suggestione i punti vicino ad Ari con presenza di squali balena, Baa la cui biodiversità è addirittura patrimonio dell’Unesco e, infine, Gaafaru con i suoi relitti sommersi.

Viaggiare sicuri alle Maldive

Il turismo è decisamente l’attività più importante per il popolo maldiviano, molto prima della pesca, il che dice molto considerata la natura morfologica del paese. La popolazione è affabile e gentile, ben calata nel naturale ruolo di padrone di casa, ben disposta verso l’ospite occidentale. Gli italiani hanno un posto speciale in questo discorso considerato che il nostro paese rappresenta uno dei 5 mercati principali per il terziario maldiviano (nel 2018 105 mila italiani sono andati alle Maldive, 4° paese in assoluto dietri Cina, Germani e UK).

Gli ultimi reali disordini del paese sono avvenuti nella capitale Malè, che è il luogo più urbanizzato e popolato dello Stato. Poco a che fare Malè con la dimensione turistico/paradisiaca degli altri atolli, questo per dire che l’attività politica (e le eventuali conseguenze) della capitale non intaccano  la vita delle isole distati. Nel 2018 però è stato proclamato uno stato di emergenza di 45 giorni, un evento che all’epoca pose in ambascia altri paesi come la Cina (principale mercato turistico per le Maldive). Oggi la situazione sembra tornata totalmente alla normalità, ma il consiglio è quello di controllare sempre il sito Viaggiare Sicuri del Ministero degli affari esteri per viaggiare e divertirsi in tutta sicurezza e restando sempre informati.

ARTICOLO SUGGERITO

Anna Tatangelo: ‘Ho sempre avuto 30 anni anche a 15’

Anna Tatangelo durante una recente intervista a Grazia si è dichiarata una “30enne inside”. La …