Home / Casa / Lampadine a LED; come scegliere quelle giuste
Lampadine a LED; come scegliere quelle giuste

Lampadine a LED; come scegliere quelle giuste

La tecnologia LED è la protagonista  indiscussa dell’illuminazione moderna di casa e giardino, tanto che le lampadine a LED sono adatte sia per i lampadari Ferroluce, sia per essere installate in stanze lunghe e strette, o sotto forma di applique: guida alla scelta delle giuste lampade a LED.

Lampadine LED, come funzionano

L’illuminazione domestica è già proiettata nel futuro grazie alle lampadine a LED. Ormai è da un po’ che l’era delle sorgenti di luce artificiale hanno detto addio ai bulbi a filamento sia ad incandescenza, sia alogene e ha dato il benvenuto ai LED e alle fluorescenti compatte. Un tempo bastava controllare quanti Watt emetteva una lampadina per valutarne la luminosità, ma ora bisogna valutare questo parametro mediante i lumen. Ovviamente, le lampade in vendita indicano anche il wattaggio dell’incandescenza per valutare i consumi effettivi: è un po’ come quando è avvenuta la conversione delle vecchie Lire in Euro, i primi tempi circolavano entrambe e le valute per abituarsi al ricalcolo. Ad esempio, i 40 Watt delle vecchie lampadine a filamento corrispondono a 470 lumen, ma per ottenere la stessa quantità di luce, saranno sufficienti 5 Watt della lampadina LED, garantendo un risparmio energetico del 90%. Un avvera manna, soprattutto se la lampadina viene avvitata e usata in uno degli splendidi lampadari Ferroluce. Si è parlato tanto di ecologia in questi giorni e una tecnologia salva pianeta è proprio questa, visto che garantisce una lunga durata e l’assenza di mercurio, a patto di effettuare uno smaltimento corretto una volta consumata.

Come scegliere i LED

Molte persone ancora non si rendono conto che i LED non sono solo i tubi: essi sono delle soluzioni flessibili, da sistemare alla base dei mobili, a parete, negli armadi, per esaltare determinati elementi di arredo. La forma e le dimensioni dei LED moderni sono disponibili in una infinità di varianti: a parità di quantità di luce emessa, due lampadine potrebbero avere dimensioni differenti, per cui è necessario valutare l’ingombro massimo per verificare che sia possibile installarla a casa. Diciamo che il trend, esteticamente parlando, impone i LED a forma della classica lampadina old fashion, anche se con piccole peculiarità. Le LED tutto vetro hanno una tecnologia che riproduce l’aspetto del filamento tradizionale, ma formati da LED non puntiformi . Ci sono in commercio lampadine con vetro smerigliato antiabbagliamento oppure trasparente e consentono di avere tutto il bulbo in vetro, privo cioè di punti d’ombra. Lo scopo è quello di avere una luce diffusa a 360 gradi nonostante la lampadina abbia la forma a goccia, a sfera, a candela, a tortiglione o a colpo di vento.

Altro criterio per scegliere la lampadina LED più indicata per illuminare l’ambiente è controllare l’attacco. Bisogna ricordare che l’E27 è a vite grande e l’E14 ha le misure ridotte. Questi sono i più comuni, ma bisogna fare molta attenzione agli attacchi speciali, ovvero le bispina G9, G4 e GY6.35. Esistono anche i lineari con la sigla R7s e vengono utilizzate per sostituire le vecchie alogene lineari.

LED e scelta del colore

L’illuminazione domestica si divide in luce calda e luce fredda, quindi per azzeccare la tonalità di luce perfetta, con i LED bisogna conoscere la temperatura colore. Essa viene espressa in gradi Kelvin e varia dal bianco caldo al bianco freddo. In linea di massima si parla di 2.700 k per la luce calda ( simile a quella delle vecchie lampadine ad incandescenza), fino ad arrivare a 6.500 k. Si parla di una illuminazione forte, quasi quanto quella del Sole ed è ideale per gli ambienti in cui bisogna concentrarsi, come lo studio o l’ufficio. La luce calda invece è idonea al riposo e al relax. Un discorso a parte meritano le lampade LED dimmerabili: esse hanno questa funzione di poter regolare l’intensità a piacimento e a seconda delle situazioni. È ottimo per stanze multifunzionali, come ad esempio la camera da letto con annesso studio, o per il living.

Si consiglia, qualora si abbia la possibilità, di scegliere soluzioni direzionabili in modo da creare accenti di luce, come nei controsoffitti, e permetta di valorizzare nicchie, mensole, volumi od oggetti.

ARTICOLO SUGGERITO

Chi sta attaccando il turismo della Repubblica Dominicana?

Chi sta attaccando il turismo della Repubblica Dominicana?

Se non fosse che in gioco ci sono tanti posti di lavoro, importanti investimenti e …