Home / Cultura / Rimini, Cineteca: “Sapienza contro violenza”. Venerdì Irene Strazzeri presenta il suo libro
Deva Cassel, in uno spot come modella, è bella come mamma e papà

Rimini, Cineteca: “Sapienza contro violenza”. Venerdì Irene Strazzeri presenta il suo libro

Esiste una relazione tra i concetti di parità di genere e di società civile? La sociologa Irene Strazzeri analizza questo rapporto nel suo volume Dal genere alla società. Cittadini, cittadine e famiglie.

L’autrice, in dialogo con Ilaria Raimondi (Coordinamento Donne Rimini) e Claudia Cicchetti (Cgil Rimini), presenta il suo saggio venerdì 19 aprile alle 17.30 nella sala della Cineteca comunale di Rimini, nel penultimo appuntamento del ciclo di incontri Parla con lei. Sapienza contro violenza, promosso dall’associazione di volontariato Coordinamento Donne Rimini onlus.

Il volume “Dal genere alla società. Cittadini, cittadine e famiglie” vuole esaminare due concetti, la parità di genere e la società civile, al fine di comprendere se e che tipo di relazione esista tra loro e quali vantaggi l’agenda femminista contemporanea possa trarre da questa relazione. La riflessione teorica sul legame tra questi due concetti è, secondo l’autrice, ancora insufficiente nonostante negli ultimi decenni entrambi siano stati, in maniera diversa, ampiamente utilizzati nell’analisi e per la comprensione della realtà e delle dinamiche sociali. Attualmente, entrambi sono utilizzati indipendentemente da qualunque approccio teorico sociale, che tenti di comprendere come siano strutturati gli spazi individuali, culturali, politici ed economici in paesi e società differenti tra loro.

La revisione del concetto di società civile, dall’Illuminismo Scozzese in poi, mostra chiaramente l’impalcatura patriarcale, in cui è inquadrato il pensiero politico occidentale. Una simile constatazione spiega il perché gli studiosi di politica non abbiano mai mostrato alcun interesse per il concetto di genere in relazione alla società civile. Dunque, entrando in questo ambito di ricerca, occorre porsi le seguenti domande: “Perché non si è pensato di connettere questi due concetti?”, “Perché il femminismo e la teoria femminista, in primo luogo, non hanno preso in considerazione la possibilità che il concetto di società civile possa coniugare tra loro le numerose istanze sulla parità di genere?” e “Perché gli studiosi di politica non hanno introdotto la nozione di genere nello studio del concetto di società civile e delle sue potenzialità?”.

Irene Strazzeri è ricercatrice di Sociologia del mutamento e della conoscenza presso l’Università degli Studi di Foggia. Da anni focalizza le sue ricerche sulla differenza sessuale e sul tema del riconoscimento, sui mutamenti sociali trasfigurabili in innovazioni concettuali della teoria sociale, sul femminismo come rivoluzione nel modo di conoscere e praticare il mondo. Ha pubblicato: Teoria e prassi di riconoscimento (2005); Riconoscimento e diritti umani. Grammatica del conflitto nel processo di integrazione europea (2007); Dalla redistribuzione al riconoscimento. Declinazioni paradigmatiche della differenza sessuale (2009); Verità e menzogna. Sociologie del Postmoderno (2010); Post-patriarcato. L’agonia di un ordine simbolico (2014), La resistenza della differenza. Tra liberazione e dominio (2016), Femminismo liquido. Dalle origini al cyborg (2019). 

Ha curato volontariamente l’archivio di storie di vita delle donne ospiti presso il centro antiviolenza e antitratta “Libera” della Provincia di Lecce.

Parla con lei è un momento di confronto e di aggiornamento, rivolto a donne e uomini, il cui intento è approfondire, grazie allo stimolo di libri di recente pubblicazione, alcune tematiche degli studi di genere attraverso prospettive diverse e intersecanti: dal diritto alla storia, dalla linguistica alla filosofia, dalla psicologia al cinema.

Femminicidi, violenze in famiglia, prevaricazioni sul lavoro e nella vita quotidiana, discredito sociale… Le donne combattono ogni giorno la loro battaglia per la parità e la dignità, per i diritti e la valorizzazione. Il Coordinamento Donne Rimini risponde con la cultura. Alla violenza contrappone la sapienza, l’analisi, la riflessione, da compiere insieme, donne e uomini. 

Nelle sei edizioni di “Parla con lei” sono passate da Rimini alcune delle studiose e delle autrici più brillanti della nostra generazione, e anche qualche studioso particolarmente sensibile alle tematiche della parità. Per ricordare alcuni nomi: Michela Marzano, Ritanna Armeni, Anna Simone, Donatella Campus, Luisa Pogliana, Giorgia Serughetti, Stefania Cavagnoli, Maria Giuseppina Muzzarelli, Adriana Cavarero, Laura Balbo…

Ingresso libero

Il ciclo di incontri è promosso dal Coordinamento Donne Rimini onlus in collaborazione con: Casa delle Donne del Comune di Rimini, Biblioteca civica Gambalunga, Cineteca Comunale, Cgil Rimini, Anpi (Comitato provinciale), Istituto per la Storia della Resistenza e dell’Italia Contemporanea della Provincia di Rimini, Rompi il silenzio onlus e Soroptimist International club Rimini. Con il patrocinio di: Comune di Rimini, Provincia di Rimini, Regione EmiliaRomagna

Info:

0541 704545

0541 704486

#####IMG000000000#####

ARTICOLO SUGGERITO

Pasqua 2019, vacanze su un'isola deserta alle Maldive

Pasqua 2019, vacanze su un’isola deserta alle Maldive

I maldiviani lo hanno battezzato “your private secret paradise”, il tuo paradiso privato. E segreto. …