Home / Fashion / Toronto Men’s and Women’s Fashion Week. Primavera/Estate 2018
Toronto Men's and Women's Fashion Week. Primavera/Estate 2018

Toronto Men’s and Women’s Fashion Week. Primavera/Estate 2018

Settima edizione per la Toronto Men’s Fashion Week (TOM) e seconda, invece, per la Toronto Women’s Fashion Week (TW). La location questa volta la One Yonge Street vicino al bellissimo porto della città. Molti stilisti canadesi, che già avevano sfilato per la stagione precedente, sono tornati in passerella nelle tre serate dell’evento. Ecco gli highlight, secondo Vogue Talents direttamente dalla TOM e dalla TW:

TOM Toronto Men’s Fashion Week

Helmer
Il coloratissimo brand dello stilista Joseph Helmer di base a Montreal ha affascinato il pubblico con una collezione che ha chiamato Woodstock. Immagini dinamiche dei nostalgici anni 70 che combinano elementi tribali e moderni, stampe floreali, pois, quadretti e righe larghe abbellivano kimono, maxi yutaka, blazer e pantaloni. I cappelli di paglia e le shopper  hanno dato un twist speciale alla collezione dal mood rilassato e caraibico.
Tristan Licud
È sempre molto fantasiosa l’ispirazione di Tristan Licud. Come talento emergente, Licud continua a evolvere e sperimentare con stili diversi e di nicchia, e la collezione PE 2018 è un esempio tangibile. Paragonato ai lavori precedenti si nota una narrazione più coerente e solida: lo sportswear è ispirato al viaggio, e comprende T-shirt drappeggiate, dettagli in corda e  shorts decorati con motivi grafici bianchi e neri in stile azteco.
Finezza: Au Nom De L’Homme
Non è nuovo alla TOM. La griffe di Montreal/Parigi è nota per i dettagli  di squisita fattura e gli abiti da uomo dal taglio impeccabile  in stile europeo.

More

Vic Matié launches #vicmatieladies

Kampala Fashion Week

by Leanne Tlhagoane

Top 20: i best look curvy-friendly per la S/S 2018

by Lucia D’Angelo

Per la PE18 il brand sceglie un palette  colori più cool rispetto alle collezioni precedenti e propone un’atmosfera più rilassata.

Shelli Oh
La caratteristica che meglio descrive  la stilista canadese Shelli Oh è la coerenza. Languidi dandy europei di grande charme sono protagonisti della collezione PE 18: les flaneurs. La palette di blu e tinte neutre è accesa da tocchi più vivaci di colore e disegni jacquard.

Toronto Women’s Fashion Week (TW)

Fesvedy
Fesvedy è una griffe giovane creata dal duo georgiano Marita Kakha Berie, designer e artista,  che attualmente risiedono a Vancouver. Nella collezione sono presenti immagini di templi e fregi che mettono  in evidenza le caratteristiche artistiche e i capolavori dell’architettura georgiana grazie a disegni  geometrici realizzati con grande cura.
Zoff
Zoff di Michael Zoffranieri è un brand canadese emergente che fa base a Toronto. Zoffranieri è il vincitore di TFI New Labels 2017. La collezione accosta abiti da posa e da sera  inspirati all’idea di Fuoco Dentro. La collezione spose ha un significato preciso, spiega lo stilista,  quello di “vita nuova” e di “pace interiore”, mentre i travolgenti abiti da sera rossi rappresentano la  “forza” e “il fuoco dentro”. Materiali come seta e organza arricchite di paillettes lucenti e dettagli in piuma di struzzo amplificano l’effetto deluxe.
Lesley Hampton
La griffe donna di Toronto Lesley Hampton è a favore di un’immagine positiva del corpo della donna. La collezione  presentata in passerella  è un progetto nato in collaborazione con #BeBodyAware di Tia Duffy che celebra tutte le donne, al di là del tipo di fisicità, dell’età, dell’etnia.
Claire Lemaître-Auger
È stata finalista di TFI New Labels 2017, e quindi è facile intuire che Claire Lemaitre-Auger era una degli emergenti da tenere d’occhio. La collezione di pret-à-porter per la PE18 dal mood discreto e casual era tutta incentrata sui colori pastello e poteva, a un primo sguardo, sembrare un po’ troppo ‘commerciale’  ma in verità i capi, se osservati nel dettaglio,  erano molto complessi. Vari elementi sono stati inseriti per trasmettere un senso di giovinezza e speranza e mettere in risalto la forza delle donne, un’idea che appassiona molto Lemaître-Auger.
Stephan Caras La collezione PE18 di Stephan Caras ha voluto rappresentare la freschezza della primavera  utilizzando un tono neutro come base, arricchito da motivi floreali dai ricami intricati, ruche color lavanda e silhouette drappeggiate. La collezione nel suo insieme mette in risalto la bellezza della femminilità contemporanea.
Hendrixroe
Una delle sfilate più attese della TW (e della TOM) per questa stagione era probabilmente la PE18 di Hendrixroe. E il motivo è che il designer emergente Jordan Erin McKay ha ben compreso come trasferire il senso di attesa da un concerto alla passerella. Per un brand nato solo due anni fa,  Hendrixroe propone con successo un tipo di moda fortemente ispirato  alla passione per la musica. La collezione in stile LA dal mood allegro e zuccheroso evoca la cultura pop, rock, e hip hop degli anni 90 e primi Duemila  e presenta capi in pelle metallizzata, motivi di ispirazione orientale, tessuti con sgargianti stampe floreali e pelliccia dalle nuance vibranti.
Amato Couture
Il gran finale della TW questa stagione è stato affidato alla griffe di base a Dubai Amato Couture del designer Furne One. Furne One è uno stilista couture e creatore di costumi  molto noto  per aver vestito svariate celeb  (Beyoncé, Katy Perry and Lady Gaga e altre). La PE18 è una collezione che fa sognare,  pomposa e  stravagante. In passerella abiti couture rosa pastello, blu e violetto arricchiti di intricati giochi di perline e ricami per una luminosa contaminazione fra Europa e Asia.

ARTICOLO SUGGERITO

Memorie di un Arcinapoletano, Treccagnoli torna nel cuore di Napoli

Memorie di un Arcinapoletano, Treccagnoli torna nel cuore di Napoli

In questi tempi di memoria smangiata è una benedizione avere un giornalista come Pietro Treccagnoli, …