Home / Cultura / Gioca la Juve, il Comune di Asti anticipa l’incontro sulla storia della massoneria
Gioca la Juve, il Comune di Asti anticipa l'incontro sulla storia della massoneria

Gioca la Juve, il Comune di Asti anticipa l’incontro sulla storia della massoneria

A causa della sovrapposizione con gli appuntamenti della Champions League (incontro Atletico Madrid/Juventus), la conferenza del professor Aldo Alessandro Mola sulla storia della Massoneria in Italia, inserita nel ciclo “La grande storia a Teatro” sarà anticipata.

L’incontro, organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Asti su idea dell’assessore Gianfranco Imerito e del giornalista Vanni Cornero, previsto in un primo momento mercoledì 20 febbraio alle 21, sarà anticipato alle 18.

Sarà Sala Pastrone ad ospitare il professor Mola che presenterà il suo nuovo libro “Storia della Massoneria in Italia, 1717-2018”.

Perché Carlo De Benedetti nel 1978 decise di entrare in una loggia massonica di Torino e ci rimase per tre anni? Perché nel Giubileo della Misericordia Papa Francesco ha ribadito la scomunica dei massoni? Perché il Movimento Cinque Stelle, la Lega, Liberi e Uguali vietano le logge ai loro iscritti o simpatizzanti? Perché la Relazione della commissione antimafia del dicembre 2017 ha definito la Massoneria “sostanzialmente segreta”?

Sono alcune tra le domande cui lo studioso risponderà partendo da documenti raccolti in 40 anni di ricerche in Italia e all’estero. I suoi libri non sono una “apologia” ma una descrizione dei fatti, nella loro complessità tra “Secolo dei Lumi”, Impero napoleonico, Restaurazione, Risorgimento, Ventennio fascista e Italia repubblicana del dopoguerra.

Nel libro prendono corpo le radici di molti “misteri” legati agli intrecci, a volte reali a volte presunti, tra uomini politici, militari, imprenditori, finanzieri e logge massoniche. Il volume contiene, tra l’altro, inediti come le Istruzioni segrete di David Levi su scopo e organizzazione della Massoneria nel 1861,sulla evaporazione del Tesoro massonico dopo lo scioglimento del 1925 da parte del regime fascista, sull’azione dei massoni in esilio e sui legami tra Massoneria e Casa Savoia.

 ALDO ALESSANDRO MOLA – Già preside di liceo e docente a contratto di storia
contemporanea all’Università Statale di Milano, dal 1992 contitolare della Cattedra Théodore Verhaegen di Bruxelles, è autore di importanti saggi su storia della massoneria italiana, la monarchia in Italia, l’unificazione nazionale e di numerose biografie (tra cui quelle di Dante Livio Bianco, Mazzini, Garibaldi, Lemmi, Pellico, Carducci, Licio Gelli, Giovanni Giolitti). Dal 1982 collabora con l’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, l’Ufficio Storico dello Stato Maggiore della Difesa e l’ Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.. Dal 1980 è Medaglia d’Oro per la Cultura ( Decreto Presidente Pertini). Gli sono stati conferiti il Premio Presidenza del Consiglio (2003) e la Targa d’Argento del Presidente della Repubblica (2005).

ARTICOLO SUGGERITO

Giulia Salemi e Cecilia Rodriguez allo stesso evento: dopo Monte il primo incontro

Giulia Salemi e Cecilia Rodriguez allo stesso evento: dopo Monte il primo incontro

Giulia Salemi e Cecilia Rodriguez allo stesso evento: primo incontro tra le due dopo Francesco Monte …