Home / Tempo libero / Giulia Bevilacqua stregata dall’Islanda
Giulia Bevilacqua stregata dall'Islanda

Giulia Bevilacqua stregata dall’Islanda

Una carriera ricca di successi tra tv, cinema e teatro che esplode soprattutto nel 2005 con la serie Mediaset ‘Distretto di Polizia’. Reduce del successo su Rai 1 nella fiction ‘È arrivata la felicità 2’, con Claudia Pandolfi, Giulia Bevilacqua sta ora girando laserie Rai una ‘Pallottola nel cuore 3′ con Gigi Proietti che vedremo in autunno in tv e ha interessanti progetti in cantiere.

Pubblicità

A TTG racconta la sua anima da globetrotter, i suoi viaggi on the road per l’Italia sognando India e Giappone.

Quando viaggia per girare film e fiction riesce a fare anche la turista?
Il tempo si deve trovare, anche perché il viaggio è una delle passioni che ogni essere umano dovrebbe coltivare, se ha la possibilità di farlo; appena ho anche due giorni liberi mi piace andare in giro per l’Italia a conoscere nuovi posti e scoprire le bellezze del nostro Paese. Quest’estate ho scelto di non partire per l’estero e restare in Italia, con la macchina con mio marito siamo partiti da Milano siamo andati all’Elba poi a Forte dei Marmi proseguendo per la costiera amalfitana, poi in Puglia risalendo da Napoli. Davvero un bel giro d’Italia.

Che tipo di viaggiatrice è, comoda o più d’avventura?
Sono più da zaino in spalla, sono abbastanza avventurosa, mi piace il percorso che porta alla meta, per cui mi diverto tanto a viaggiare in maniera sportiva.

Tra i viaggi che ha fatto quali luoghi l’hanno colpita?
Argentina e Patagonia, è stato uno dei viaggi più belli che abbia mai fatto ma quello che più mi ha lasciato un segno è stato quello in Islanda lo scorso anno: abbiamo fatto il giro dell’isola, il ring. È un posto incredibile con una varietà di paesaggi pazzeschi, un po’ lunari, diversi da quelli cui siamo abituati, tra cascate, animali, natura.

E il viaggio dei sogni?
Vorrei andare in India, conoscere quella realtà; ma mi attrae molto anche il Giappone che è un mondo completamente diverso.

Che rapporto ha con la valigia?
Diciamo che porto sempre troppe cose, dovrei imparare a togliere; comunque facendo viaggi avventurosi porto abbigliamento comodo ed è raro che porti i tacchi in vacanza, faccio un mix per ottenere outfit diversi. La parola chiave del mio armadio è trasformabilità: ne ho fatto un lavoro, ed è una costante anche nella vita. 

ARTICOLO SUGGERITO

Alessia Marcuzzi in Costa Azzurra: bikini bollente

Alessia Marcuzzi in Costa Azzurra: bikini bollente

L’utente che utilizza il servizio di commento dei contenuti del sito www.unionesarda. it si impegna …