Home / Salute e Bellezza / Inaugurata “Casa della bellezza sostenibile”. Di Resstende il sistema di schermatura solare
Inaugurata “Casa della bellezza sostenibile”. Di Resstende il sistema di schermatura solare

Inaugurata “Casa della bellezza sostenibile”. Di Resstende il sistema di schermatura solare

Sorge alle porte di Parma il nuovo progetto firmato dallo studio Matteo ThunPartners che ha visto lo scorso settembre l’inaugurazione del Villaggio Davines nuova “Casa della bellezza sostenibile” sede green del Gruppo Davines specializzato nella creazione di prodotti cosmetici professionali per la cura dei capelli e skincare.

Progetto che vuole rappresentare la concretizzazione più tangibile dei valori di bellezza, sostenibilità e benessere che animano la realtà aziendale guidata da Davide Bollati.

La nuova “Casa della bellezza sostenibile” si sviluppa su una superficie di 77mila metri quadrati, l’80% dei quali danno voce al progetto del verde ad opera dello studio di architettura paesaggistica Del Buono Gazerwitz. Village è costituito da 24 “casette”, disposte a gruppi da tre. Così come il concept del complesso di edifici, l’intervento di Resstende avvenuto grazie all’impresa edile Colombo Costruzioni è stato fortemente articolato a seconda delle aree: dedicate agli uffici, formazione, laboratori di ricerca e sviluppo, spazi co-working, impianto di produzione ed una grande serra adibita a ristorante, cuore di tutto il complesso.

Quello del Villaggio Davines può certamente definirsi un progetto etico per un’architettura che lancia un messaggio di “profonda attenzione alle persone e all’ambiente”. Trasparenza, leggerezza, natura, sostenibilità, comunità e benessere sono le parole chiave che ne esprimono le caratteristiche e sulle cui basi Resstende ha dichiarato di avere proposto le sue schermature.

“Casa della bellezza sostenibile”: le schermature

La nuova sede è concepita e disegnata per ridurre al minimo l’uso di illuminazione artificiale, con l’inserimento di impianti fotovoltaici, solare termico, geotermico e sistemi di comunicazione e controllo che monitorano i consumi energetici di ogni ambiente. Questo aspetto ha determinato e guidato in maniera forte la natura del progetto di schermatura solare firmato Resstende, notevole sotto il profilo quantitativo e funzionale dei sistemi adottati.

Per ogni nucleo di casette che articolano la “Casa della bellezza sostenibile” sono stati installati 44 sistemi di schermatura a rullo verticali, per un totale di 352 tende in facciata. Per schermare tutte le vetrate degli uffici al piano terra del Village, Resstende ha selezionato delle tende libere L1 guidate con cavi e manovra a motore. Ogni modulo copre un’altezza di 320 cm per una larghezza di 130 cm. Le tende sono a scomparsa in nicchia, sostenute da delle piastre su misura.

Tutti gli uffici presenti al primo piano sono invece schermati da sette tende a rullo Boston CT135, larghe 130 cm e con un’altezza piramidale che va da 360 cm fino alla massima di 600 cm. Ogni modulo è movimentato a motore dal basso verso l’alto tramite il Traction kit, l’esclusivo dispositivo di trazione forzata ideato appositamente per sistemi da esterno allo scopo di attribuire un’efficace tensione al telo in applicazioni verticali, oblique e orizzontali. Capace di contrastare la potenza del vento con l’energia controllata dei pistoni a gas alloggiati nel fondale tondo, il sistema Traction kit assicura maggior stabilità alla tenda montata in ambiente esterno.

Tra i sistemi di tende a facciata che Resstende ha nella sua gamma prodotti, il modello Boston 135 con cassonetto tondo è stato il prescelto grazie al suo design esclusivo e l’alto contenuto tecnico, studiato appositamente per applicazioni esterne su facciate continue.

Per gli attacchi superiori delle tende, Angelo Furia – project manager di Resstende – ha disegnato a progetto delle piastre d’ancoraggio che diventano parte integrante dell’architettura dell’edificio, inserendosi con grazia nella struttura. “La peculiarità di queste tende che le connotano quale unicum è l’irregolarità del fissaggio superiore, che è orientabile in base all’inclinazione della tettoia in alluminio. Inoltre in questo progetto, il Traction kit è racchiuso in uno spazio minimo, a scomparsa dietro il rullo. Il dispositivo a trazione più compatto finora realizzato nei progetti Resstende, dopo il Traction kit realizzato per Feltrinelli” spiegato Furia.

Tutti i sistemi a rullo sono automatizzati grazie ad una centralina apposita che gestisce l’apertura e chiusura delle schermature. Come un direttore d’orchestra, è il Sole che da il via al silenzioso movimento di salita o discesa dei sistemi.

Il tessile che è stato scelto per l’intera fornitura è il filtrante Vuscreen Messina cod. 31808 color Antracite. Il tessuto, particolarmente indicato l’outdoor, è composto al 100% da Poliestere in altezza 300 cm. Con un peso di 360 g/mq e un fattore di apertura del 4% è l’ideale per garantire un eccellente comfort termico e visivo negli spazi interni. L’ambiente ufficio è quello che oggi più di altri rappresenta il nuovo spazio casa, dove poter lavorare al meglio in armonia e serenità.

Il complesso della “Casa della bellezza sostenibile” è stato progettato al fine di esprimere la massima trasparenza architettonica e consentire la fruizione visiva del verde da ogni postazione lavorativa. Negli interni, quando i raggi del sole colpiscono la trama del tessuto, si crea un’illuminazione naturale e accogliente che permette ai dipendenti di lavorare anche senza alcuna illuminazione artificiale.

Un progetto a misura d’uomo che vuole essere “creatore di buona vita per tutti, attraverso la bellezza, l’etica e la sostenibilità”, come afferma Davines e il suo marchio Comfort Zone. Davines promuove una bellezza sostenibile, incoraggiando tutti a prendersi cura di se stessi, dell’ambiente in cui vivono e lavorano e delle cose che amano. Resstende condivide a pieno tale visione di bellezza sostenibile, dove la schermatura diventa il nuovo tramite di dialogo tra la luce e gli interni, tra l’esterno e l’interno dove i lavoratori vivono e abitano gli uffici.

(immagini di Fabio Di Carlo)

ARTICOLO SUGGERITO

Ecco la giornata dei Parchi letterari

Ecco la giornata dei Parchi letterari

(ANSA) – ROMA, 17 OTT – Dalla Castagneto di Giosuè Carducci ai Colli Euganei di …