Home / Cucina / Pinterest, da zero a $12 miliardi: la storia di successo del social e del suo fondatore
Pinterest, da zero a $12 miliardi: la storia di successo del social e del suo fondatore

Pinterest, da zero a $12 miliardi: la storia di successo del social e del suo fondatore

Pinterest è passato da un sito sconosciuto, dalla crescita sottomessa e frequentato da pochissimi utenti, a uno dei social network più popolari al mondo al giorno d’oggi. L’IPO a Wall Street avvenuta nei giorni scorsi conferma il successo della società: la quotazione è salita del 30% in un solo giorno.

La storia di successo di Ben Silbermann, suo fondatore e attuale ad, è di oltremodo stimolante: l’imprenditore ha toccato alti livelli di tenacia e perseveranza, utili per continuare a curare un progetto in cui nessuno credeva.

Ben Silbermann è l’amministratore delegato del sito di conservazione e condivisione di foto valutato a 12,3 miliardi di dollari dopo il suo ultimo round di raccolta fondi a giugno 2017 e dopo la quotazione in borsa.

Silbermann, insieme ai cofondatori Evan Sharp e Paul Sciarra, ha lanciato la prima versione desktop di Pinterest nel marzo 2010. Pinterest consente agli utenti di salvare e condividere delle raccolte di immagini, dalle ricette alle acconciature, dall’artigianato all’arredamento, da smartphone o computer.

Ma il successo è arrivato lento e dopo non poche difficoltà.

Chi è Ben Silbermann

Silbermann è nato nel 1982 ed è cresciuto a Des Moines, Iowa (Stati Uniti). I suoi genitori, Jane Wang e Neil Silbermann, sono oftalmologi. Dopo aver frequentato il Research Science Institute del MIT, si è diplomato nel1999 per poi laurearsi in scienze politiche presso l’Università di Yale nel 2003.

Prima di Pinterest – lanciato nel marzo 2010Silbermann ha lavorato in Google nel settore dalla pubblicità online. Tuttavia, dopo poco tempo trascorso come dipendente nella big di Internet, ha deciso di licenziarsi per dedicarsi alla progettazione di app per iPhone con un amico del college, Paul Sciarra. Dopo i primi fallimenti, i cofondatori fanno entrare nel team Evan Sharp per creare Pinterest.

Il progetto Pinterest non piaceva a nessuno

Ben ha sempre avuto l’abitudine di collezionare oggetti come francobolli e così ha pensato di creare un sito web che consentisse alle persone di fare la stessa cosa. Dopo alcuni mesi di tentativi, il team era riuscito ad attrarre a sé solo 200-300 utenti circa.

In un’intervista, Silbermann ha dichiarato che molte persone non comprendevano l’utilizzo del sito quando lo vedevano la prima volta. L’imprenditore decise di contattare 300 persone tra amici e parenti e scoprì che solo 10 di loro sembravano aver colto l’idea dietro al social.

Silbermann si trovava ad affrontare non solo un sito difficile da capire, ma anche seri problemi ad attirare nuovi utenti. Il primo anno Pinterest ha fatto registrare solo 9.000 utenti.

Un giorno, quando un famoso blogger ha iniziato a consigliare Pinterest, il sito è decollato rapidamente. Il resto della storia è ben nota. Pinterest è diventato un gigantesco social network che vale miliardi.

Contro tutto e tutti

Immagina di essere nei panni di Ben, avresti continuato a puntare sul tuo progetto dopo avere saputo che il 90% (o più) delle persone che conoscevi non apprezzavano?

Il padron di Pinterest ha incontrato molti investitori e tutti hanno deciso di non appoggiare la sua idea. Dopotutto, qual è il senso di un sito che raccoglie le tue cose?

Difficile vedere le cose sotto questo punto di vista ora che Pinterest è un noto social network. È diventato grande dopo che è stato riempito di milioni di immagini, ma cosa mai ha motivato le prime 100.000 persone a iscriversi ad un sito praticamente vuoto?

In altre parole, Ben Silbermann stava cercando di commercializzare un’idea che non riceveva un caloroso benvenuto da nessuno.

Sembra una pazzia, vero? Andare contro tutti quelli che conosci. Andare contro l’opinione di investitori ed esperti. Oltre a tutto ciò, vi è stato un tentativo di vendita di Pinterest dopo che ha raggiunto i 10.000 utenti, ma la società acquirente ha poi rifiutato di partecipare al tavolo delle trattative.

Ben stava andando contro il mondo intero, ma continuava a crederci.

Il segreto del successo di Pinterest

Silbermann era perseverante ad un livello irrazionale e questo è il segreto per avere successo nella vita.

In un certo senso ci sono delle similitudini con la storia di successo di Steve Jobs, fondatore di Apple. Entrambi hanno detto la stessa identica cosa: per riuscire nella vita, la perseveranza deve prendere il sopravvento sulla razionalità.

Se Ben avesse lasciato vincere la ragione, non avrebbe mai perseverato. Un social network che aveva attratto a sé 300 utenti in pochi mesi, quanti anni avrebbe impiegato per raggiungere il traguardo di un milione?

Jobs una volta ha dichiarato che a volte diventa assurdo continuare ad andare avanti quando qualsiasi persona sana di mente smetterebbe, ma è qui che si cela un suggerimento d’oro: per avere successo nella vita devi essere perseverante in un modo folle.

ARTICOLO SUGGERITO

Salute della donna, arrivano le "beauty social angels"

Salute della donna, arrivano le “beauty social angels”

Avellino.   Successo per la prima giornata dedicata alla salute della donna, dal titolo “Mamma: chi …