Home / Cultura / Premio Strega, 12 titoli in gara, per la prima volta più autrici
Premio Strega, 12 titoli in gara, per la prima volta più autrici

Premio Strega, 12 titoli in gara, per la prima volta più autrici

Due autori Einaudi, Marco Missiroli e Nadia Terranova, e due autori della Nave di Teseo, Mauro Covacich e Claudia Durastanti entrano nella dozzina del Premio Strega 2019 annunciata oggi a ‘Libri Come’, la Festa del Libro e della Lettura all’Auditorium Parco della Musica di Roma. E per la prima volta prevalgono le scrittrici – 7 autrici e 5 autori – tra i dodici in gara scelti tra i 57 titoli di narrativa proposti quest’anno dagli Amici della domenica, il gruppo storico della giuria.

Questi i dodici autori e libri in gara al Premio Strega 2019, annunciati a Libri Come:

Valerio Aiolli, Nero ananas (Voland), proposto da Luca Formenton;

Paola Cereda, Quella metà di noi (Perrone), proposto da Elisabetta Mondello;

Benedetta Cibrario, Il rumore del mondo (Mondadori), proposto da Giorgio Ficara;

Mauro Covacich, Di chi è questo cuore (La nave di Teseo), proposto da Loredana Lipperini;

Claudia Durastanti, La straniera (La nave di Teseo), proposto da Furio Colombo;

Pier Paolo Giannubilo, Il risolutore (Rizzoli), proposto da Ferruccio Parazzoli;

Marina Mander, L’età straniera (Marsilio), proposto da Benedetta Tobagi;

Eleonora Marangoni, Lux (Neri Pozza), proposto da Sandra Petrignani;

Cristina Marconi, Città irreale (Ponte alle Grazie), proposto da Masolino d’Amico;

Marco Missiroli, Fedeltà (Einaudi), proposto da Sandro Veronesi;

Antonio Scurati, M. Il figlio del secolo (Bompiani), proposto da Francesco Piccolo;

Nadia Terranova, Addio fantasmi (Einaudi), proposto da Pierluigi Battista.
   

Nell’anno super record di segnalazioni che ha visto più titoli di uno stesso marchio – con al top Mondadori e La Nave di Teseo con 5 libri – anche tra i dodici in gara ci sono editori che hanno più di un titolo. Le 7 scrittrici entrate in dozzina sono: Paola Cereda con ‘Quella metà di noi’ (Perrone), Benedetta Cibrario con ‘Il rumore del mondo‘ (Mondadori), Claudia Durastanti con ‘La straniera’ (La nave di Teseo), Marina Mander con ‘L’età straniera’ (Marsilio), Elena Marangoni con ‘Lux’ (Neri Pozza), Cristina Marconi con ‘Città irreale’ (Ponte alle Grazie) e Nadia Terranova con ‘Addio Fantasmi’ (Einaudi).

Tra i cinque autori, oltre al superfavorito Missiroli con ‘Fedeltà (Einaudi), che a questo punto dovrà vedersela anche con una concorrente della sua stessa casa editrice, Nadia Terranova, c’è Antonio Scurati con ‘M. Il figlio del secolo’ (Bompiani), al suo terzo Strega dopo aver sfiorato per due volte la vittoria. E anche Covacich con ‘Di chi è questo cuore‘ (La Nave di Teseo). Poi Pier Paolo Giannubilo con ‘Il risolutore’ (Rizzoli) e Valerio Aiolli con ‘Nero Ananas’ (Voland). In questa edizione, che mostra chiaramente l’effetto dei cambiamenti che ci sono stati in questi anni nel regolamento dello Strega, novità anche sulla sede in cui verrà annunciata la cinquina: “La prima votazione, che selezionerà la cinquina dei finalisti, si terrà il 12 giugno al Tempio di Adriano-Camera di Commercio di Roma e non a Casa Bellonci, come è tradizione, perché è in ristrutturazione” ha annunciato il direttore della Fondazione Bellonci, Stefano Petrocchi.

Il vincitore sarà proclamato il 4 luglio al Ninfeo di Villa Giulia, in diretta su Rai3. Allargata anche la giuria con 660 aventi diritto all’interno dei quali “sono compresi anche i voti collettivi dei gruppi di lettura tra cui figurano le Biblioteche di Roma” ha detto Petrocchi. “Abbiamo fatto queste modifiche perché vogliamo che gli Amici della Domenica , patrimonio importante del premio, siano protagonisti. Volevamo che fin dalla fase iniziale la selezione fosse nelle loro mani. Il fatto che i libri partecipanti siano tanti, 57, mi sembra un segnale di interesse e attenzione nei confronti del Premio e del ruolo che ha. Dispiace che alcuni libri belli siano rimasti fuori dalla dozzina, ma è stato fatto un buon lavoro e sono contento che ai nastri di partenza ci siano i più importanti” ha sottolineato il presidente della Fondazione Bellonci, Giuseppe Solimine.

Come segnalato dalle presidenti del Comitato Scientifico della Fondazione Bellonci, Valeria Della Valle, e del Comitato direttivo, Melania Mazzucco, “tra i titoli presentati quest’anno ci sono pochi romanzi solo romanzi, di narrativa pura. E prevale la rilettura del romanzo storico in tante forme diverse e le biografie narrative”. Tra le cose da notare è che tra i segnalati di questa edizione prevale la generazione di scrittrici e scrittori degli anni ’60 e ’70 e anche autori e autrici che hanno una lunga e importante storia. Un parterre che onora il premio” ha sottolineato la Mazzucco e spiegato che “c’è anche poca contemporaneità, nessun noir o romanzi di genere e pochi titoli sull’identità sessuale”.

Tra gli esclusi dalla dozzina anche il misterioso Ghirghis Ramal, ‘La colpa’ (DeA Planeta), proposto da Massimo Lugli. Più complicato del solito fare pronostici e previsioni per chi volerà in cinquina in un’edizione che scardina i soliti meccanismi e sarà più ricca di sorprese. L’immagine, realizzata da Alessandro Baronciani, si ispira all’illustrazione della storica urna di voto dipinta da Mino Maccari. Tra le tante tappe del viaggio del Premio in tutta Italia, da Verbania a Lecce, c’è anche un appuntamento, il 13 aprile,con le scuole della Campania al Teatro Legalità di Casal di Principe.

ARTICOLO SUGGERITO

Stefano De Martino in confidenza. Retroscena su Belen: “Strana la vita”

Stefano De Martino in confidenza. Retroscena su Belen: “Strana la vita”

Stefano De Martino si lascia andare a confidenze inedite, i retroscena su Belen Rodriguez: “Come …